MARTEDÌ 15 OTTOBRE 2019 06:37
 

Musica

Milano - Alla Scala "Death in Venice" di Benjamin Britten

Al debutto milanese, accolto con ampi consensi, una regista di talento, Deborah Warner e un giovane direttore d'orchestra, Edward Gardner.

“La bellezza è la sola forma dello spirito che i nostri occhi possano vedere”… l’ultimo capolavoro di Britten nella straordinaria regia di Deborah Warner.

Dal 5 Marzo 2011 – Recite successive: 8 – 10 – 12 – 15 – 19 marzo

Dopo il successo di A midsummer night’s dream, torna Benjamin Britten con il suo ultimo capolavoro.
Da Thomas Mann, la storia di una passione non convenzionale e “colpevole”; il tempo che scorre; la giovinezza perduta, inseguita nella bellezza di un ragazzo irraggiungibile; la decadenza fisica che si specchia in quella spirituale.
Nella musica del più grande compositore inglese dopo Händel, tutti i colori della decadenza che sono nel romanzo di Mann, amato da Visconti.
Protagonista è John Graham-Hall, uno dei migliori Gustav von Aschenbach del momento. Deborah Warner, regista di enorme talento, debutta alla Scala, come il giovane Edward Gardner, direttore musicale dell’English National Opera.
 

Direttore: Edward Gardner
Regia: Deborah Warner
Scene: Tom Pye
Costumi: Chloe Obolensky
Coreografia: Kim Brandstrup
Luci: Jean Kalman

CAST

Gustav von Aschenbach: John Graham-Hall
The Traveller/The Elderly Fop/The Voice of Dionysius: Peter Coleman-Wright
The Voice of Apollo: Iestyn Davies
Hotel porter: Peter Van Hulle
Strawberry-seller: Anna Dennis
Guide: Charles Johnston
Strolling players: Anna Dennis, Donal Byrne
English clerk: Jonathan Gunthorpe
The Glass maker: Richard Edgar-Wilson
Lace seller: Constance Novis
Beggar woman: Madeleine Shaw
Restaurant waiter: Benoit De Leersnyder


Allievi della Scuola di Ballo dell'Accademia del Teatro alla Scala

Produzione della English National Opera di Londra e del Théâtre Royal de la Monnaie di Bruxelles

Durata spettacolo: 2 ore e 55 minuti
 

Pubblicato in data 05/03/2011