MARTEDÌ 1 DICEMBRE 2020 09:33
 

Musica

Teatri aperti in Svezia: l'Opera di Malmö.

In scena Falstaff di Verdi firmata dalla regista Lotte de Beer.

Protagonisti Misha Kiria e Jacquelyn Wagner

 

Servizio di Roberto Tirapelle

 (nella foto s, Misha Kiria) 

  Il nuovo allestimento di Falstaff di Verdi che va in scena alla Malmö Opera, con regia di Lotte de Beer e con protagonisti Misha Kiria nel ruolo del protagonista e Jacquelyn Wagner in quello di Alice Ford, sarà disponibile in tutto il mondo tramite streaming dal vivo. La compagnia d'opera svedese è uno dei primissimi teatri a trasmettere in streaming ogni singola recita della serie, che aprirà il 7 novembre 2020 alle 18:00 ora italiana. L'accesso allo streaming può esser acquistato cliccando su: www.malmoopera.se/falstaff-.   

  (nella foto d, Jacquelyn Wagner, cr. Harld Hoffmann)

 

 

Lotte de Beer, recentemente nominata direttrice artistica della Volksoper di Vienna, è una delle giovani registe d'opera più richieste in Europa. Insieme allo scenografo e costumista Christof Hetzer, ha creato una versione contemporanea della commedia amorosa di Arrigo Boito, ambientata in un universo in cui l'interazione umana si svolge tramite canali digitali. Il direttore d'orchestra tedesco-americano Steven Sloane, direttore generale della Bochum Symphoniker e della Orchestra Sinfonica della Universität der Künste di Berlino e il direttore tedesco David Niemann sono responsabili della direzione musicale.


Alice Ford sarà interpretata dal soprano americano Jacquelyn Wagner, una delle maggiori cantanti di oggi, che appare regolarmente in teatri quali il Teatro alla Scala, l'Opéra di Parigi, Gran Teatre del Liceu o l'Opera di Zurigo in un ampio repertorio che include Mozart, Händel, Verdi e Puccini, con un'attenzione speciale per quello tedesco e per ruoli emblematici di Wagner, Strauss e Weber. Il ruolo di Sir John Falstaff è cantato da Misha Kiria, baritono ben noto al pubblico del Teatro alla Scala, della Deutsche Oper di Berlino, e del Festival di Glyndebourne.

Falstaff, opera in tre atti di Giuseppe Verdi (musica) e Arrigo Boito (libretto), tratto da opere di William Shakespeare. Prima mondiale 9 febbraio 1893 al Teatro alla Scala di Milano.

 

Direttore: Steven Sloane/David Niemann
Consulente drammaturgico: Peter te Nuyl
Coreografo: Gail Skrela Hetzer
Scenografo/costumista: Christof Hetzer
Luci: Alex Brok
Regia: Lotte de Beer

Cast

Sir John Falstaff: Misha Kiria
Alice Ford: Jacquelyn Wagner/Rebecca Nelsen
Ford: Orhan Yildiz
Nannetta: Alexandra Flood/Sabina Bisholt
Fenton: Sehoon Moon
Mrs Quickly: Maria Streijffert
Meg Page: Matilda Paulsson
Bardolfo: Jonas Duran
Pistola: Nils Gustén
Dr. Cajus: Niklas Björling Rygert

Falstaff è cantato in italiano con sottotitoli in svedese.

Tutte le recite:

Novembre 7 - 11 - 14 - 20 – 22 - 25
Dicembre 1 - 6 - 10 - 26 -
Gennaio 14 - 17 


L’Opera di Malmö.


L’Opera di Malmö presenta l'intera gamma di teatro musicale con particolare attenzione all'opera e al musical. Eseguiamo i grandi classici dell'opera, i musical, i drammi musicali contemporanei, i concerti e la danza, rispettando sempre i più alti standard internazionali di qualità.

Operaverkstan, il nostro dipartimento per bambini e giovani adulti, produce spettacoli di alta qualità per bambini dai 3 ai 19 anni con particolare attenzione alle opere e agli argomenti contemporanei. Operaverkstan introduce anche l'opera classica al suo pubblico.

L'edificio che ospita l'Opera di Malmö è stato costruito durante la seconda guerra mondiale e inaugurato nel 1944. L'auditorium principale ospita 1511 spettatori e il palco è uno dei più grandi d'Europa. Con esso, il famoso architetto Sigurd Lewerentz, insieme ai colleghi Erik Lallerstedt e David Helldén, ha creato uno dei capolavori dell'architettura funzionalista.

Il foyer è considerato di particolare bellezza, con i suoi spazi aperti e le ampie scale in marmo, ed è adornato con una serie di opere d'arte di artisti come Carl Milles e Isaac Grünewald. L'edificio è stato classificato dal National Trust in relazione al 50 ° giubileo del teatro nel 1994.

 

(Si ringrazia O-PR Communications) 

Pubblicato in data 09/11/2020