MARTEDÌ 21 SETTEMBRE 2021 06:16
 

Musica

93° Opera Festival 2015 - Arena di Verona

6 titoli d'opera, 3 serate d'eccezione

Il Sovrintendente Girondini: L’ampia offerta culturale della Fondazione Arena di Verona è ammirata in tutto il mondo”.  

 Il regista Gianfranco de Bosio: “Per il Nabucco ritengo di avere a disposizione un cast che in assoluto sia il migliore che abbia avuto in tutti gli anni in cui ho lavorato a Verona”.

(foto Ennevi)

Servizio e intervista a cura di Roberto Tirapelle

 

Venerdì 19 giugno inaugura la 93a edizione del Festival lirico 2015 all’Arena di Verona, che porta in scena per tutta l’estate lo spettacolo dell’Opera nella spettacolare cornice dell’anfiteatro veronese, per un totale di 54 imperdibili appuntamenti con la grande musica.

Fino al 6 settembre si susseguono, alternandosi ogni sera, 6 titoli d’opera: NABUCCO e AIDA di Giuseppe Verdi, TOSCA di Giacomo Puccini, DON GIOVANNI di Wolfgang Amadeus Mozart, IL BARBIERE DI SIVIGLIA di Gioachino Rossini e ROMÉO ET JULIETTE di Charles Gounod.

Arricchiscono la programmazione 3 serate d’eccezione: il 22 luglio dedicato alla grande danza con ROBERTO BOLLE AND FRIENDS, il 24 luglio che celebra il capolavoro più noto al mondo di Georges Bizet con CARMEN GALA CONCERT e il 25 agosto che presenta il famoso affresco musicale dei CARMINA BURANA di Carl Orff.

Il Festival della Fondazione Arena di Verona, nell’anno di Expo Milano 2015, intende seguire il tema della manifestazione espositiva “nutrendo il pianeta” con la cultura e la magia della musica, grazie ai titoli lirici più amati ed agli allestimenti più spettacolari e applauditi degli ultimi anni di oltre un secolo di storia areniana.

Come ha dichiarato il Sovrintendente Francesco Girondini: «L’ampia offerta culturale promossa dalla Fondazione Arena di Verona comprende in primis il Festival Lirico che tutto il mondo ammira, ma non solo. Infatti si compone anche della Stagione Artistica al Teatro Filarmonico, che consente allo spettacolo di proseguire oltre la conclusione del Festival areniano, e di AMO Arena Museo Opera, il Museo dedicato alla creatività e all’eccellenza dell’Opera lirica. La finalità della Fondazione è quindi di avvicinare il grande pubblico a questo nostro patrimonio artistico, con la diffusione e la sensibilizzazione all’arte musicale. Ci interessa in particolar modo dialogare con i più giovani e, infatti, a loro e alle scuole dedichiamo da anni promozioni, progetti e appuntamenti didattici e formativi per agevolare l’approccio delle nuove generazioni al mondo dell’Opera e alla conoscenza della musica classica».


Venerdì 19 giugno alle ore 21.00 Nabucco di Giuseppe Verdi inaugura la 93a edizione del Festival lirico 2015 all’Arena di Verona.

Il dramma verdiano è proposto per 14 serate, dal 19 giugno al 5 settembre, nella sua edizione storica secondo la regia ideata nel 1991 da Gianfranco de Bosio con l’allestimento scenico di Rinaldo Olivieri. Ritroviamo alla direzione d’orchestra per le rappresentazioni di giugno e luglio Riccardo Frizza (19, 25/6 – 3, 9, 15, 18, 23/7), che si dà il cambio con Julian Kovatchev per le recite di agosto e settembre (13, 18, 22, 26, 29/8 – 1, 5/9).

       Gianfranco de Bosio è uno dei maggiori registi italiani di teatro, cinema, televisione e opera lirica del XX secolo. E’ stato sovrintendente dell’Ente Lirico Arena di Verona per due mandati. E’ appena rientrato dalla Slovacchia dove ha messo in scena al Teatro Nazionale “Maria Stuarda” di Donizetti.  L’ho incontrato in questi giorni durante una prova dell’opera per chiedergli delle riflessioni sul Nabucco, un’opera a lui molto congeniale perché realizzata con un suo grande amico e collaboratore, l’architetto e scenografo Rinaldo Olivieri.

Professor De Bosio che emozioni le suscita ancora oggi questa sua edizione del Nabucco?

“La sua scenografia geniale perché si adatta perfettamente a questo palcoscenico, nasce e continua a vivere in Arena e non è riproducibile in altri spazi”.

A che linee guida si era ispirato all’inizio del progetto “Nabucco”?

“Io e l’amico Rinaldo volevamo liberare le gradinate alle figurazioni, avevamo l’esigenza di varietà nei cambi di scena e grandiosità nel centro del palcoscenico. Per me sono sempre stati importanti i movimenti di massa perché rappresentano l’aspetto difensivo del primato degli ebrei. La mia regia inoltre evidenzia il contrasto insito nella vicenda dell’opera: la dinamicità del popolo ebraico viene contrapposta alla ieraticità di quello babilonese per mostrare il conflitto tra Babilonia e Gerusalemme, tra culture e religioni diverse, che al culmine dell’incomprensione alla fine sanno ritrovarsi in una lingua comune e tornare all’armonia nella pluralità.” “Altrettanto importante la guida della compagnia di canto, coro e artisti.”

Che impressione ha del cast a disposizione?   

Ritengo di avere in assoluto i migliori artisti che abbia avuto in tutti gli anni di lavoro trascorsi a Verona.  E tutti presenti e puntuali fin dal 4 giugno, nel corso della prima prova. Penso che un apprezzamento vada anche alla Direzione dell’Arena”.

Infatti ecco il cast. Grandi interpreti sono impegnati per questo dramma lirico: nei panni del protagonista Nabucco debutta la Prima e torna per le tre recite successive Luca Salsi (19, 25/6 – 3, 9/7), a cui subentra Dalibor Jenis (15, 18, 23/7 – 13/8), quindi Ambrogio Maestri (18, 22/8) e, infine, Sebastian Catana (26, 29/8 – 1, 5/9) al suo esordio areniano. Nella fiera Abigaille tornano in Arena Martina Serafin (19, 25/6 – 3, 15/7) e Susanna Branchini (9, 18, 23/7 – 13, 18, 22, 26/8), mentre debutta Anna Pirozzi (29/8 – 1, 5/9); Zaccaria saranno Dmitry Beloselsky (19, 25/6 – 18, 23/7), Raymond Aceto (3, 9, 15/7) e Vitalij Kowaljow (13, 18, 22, 26, 29/8 – 1, 5/9). Nei panni di Fenena ritroviamo Nino Surguladze (19/6 – 13, 18/8), Sanja Anastasia (25/6 – 3, 9, 15, 18, 23/7) e Anna Malavasi (22, 26, 29/8 – 1, 5/9), mentre vedremo in Ismaele per la prima volta Piero Pretti (19, 25/6 – 3, 9, 18/7), che si cambia con Cristian Ricci (15, 23/7 – 22/8 – 1, 5/9), Alessandro Fantoni (13, 18/8) e Raffaele Abete (26, 29/8), entrambi debuttanti per il Festival lirico 2015.

Completano il cast, nel ruolo del Gran Sacerdote di Belo Alessandro Guerzoni (19, 25/6 – 3, 9/7), Gianluca Breda (15, 18, 23/7 – 13, 18, 22/8) e Paolo Battaglia (26, 29/8 – 1, 5/9); nei panni di Abdallo vedremo Francesco Pittari (19, 25/6), Paolo Antognetti (3, 9/7 - 22, 26, 29/8 - 1, 5/9) e Antonello Ceron (15, 18, 23/7 – 13, 18/8); in Anna Madina Karbeli (19, 25/6) per la prima volta in Arena, in alternanza a Maria Letizia Grosselli (3, 9, 15/7), Francesca Micarelli (18, 23/7 – 13, 18/8) ed Elena Borin (22, 26, 29/8 – 1, 5/9).

Il titolo impegna l’Orchestra, il Coro preparato dal M° Salvo Sgrò, le numerose comparse ed i Tecnici dell’Arena di Verona.

Repliche: 25 giugno ore 21.00 - 3, 9, 15, 18, 23 luglio ore 21.00 - 13, 18, 22, 26, 29 agosto ore 20.45 – 1, 5 settembre 2013 ore 20.45


Nabucco
è un titolo molto amato dal pubblico areniano e lega la sua storia alla città di Verona: la terza opera del compositore di Busseto, su libretto di Temistocle Solera, infatti viene portata per la prima volta sulla scena veronese al Teatro Filarmonico nel 1844, a due anni dal debutto milanese, con la supervisione dello stesso Giuseppe Verdi, la direzione di Carlo Sampietro e le voci protagoniste di Filippo Collini e Giuseppina Strepponi. Il titolo poi, nell’ambito del Festival lirico, è stato rappresentato in Arena per 20 Festival a partire dal 1938, in ben 10 allestimenti diversi.

Per questo, nell’anno di Expo Milano 2015, Nabucco è stata scelta quale opera inaugurale del Festival lirico, proposta sulla scena areniana nel riuscitissimo allestimento ideato nel 1991 dal regista Gianfranco de Bosio insieme all’architetto e scenografo veronese Rinaldo Olivieri

Informazioni

 

Prezzi da € 19,00 a € 226,00

 

Biglietteria – Via Dietro Anfiteatro 6/B, 37121 Verona

Call center (+39) 045 800.51.51 - fax (+39) 045 801.3287

email biglietteria@arenadiverona.it - www.arena.it - Punti di prevendita Geticket

Da smartphone e tablet con l’App dell’Arena di Verona per Android e Apple iOS

 

SI RINGRAZIANO TUTTI I SOSTENITORI
DELL’ARENA DI VERONA OPERA FESTIVAL 2015

 

 

Pubblicato in data 17/06/2015