MARTEDÌ 21 SETTEMBRE 2021 07:28
 

Musica

Venerdì 15 e sabato 16 maggio 2015

Verona - al Teatro Ristori "BALLET NICE MÉDITERRANÉE"

(foto Night Creature © Enrico Nobile)

UNICA PRESENZA IN ITALIA

del Ballet Nice Méditerranée 

alle 21 il quarto e conclusivo appuntamento della Stagione di Danza del  Teatro Ristori di Verona

 In programma: En sol, di Jerome Robbins, musica di Maurice Ravel; Three Preludes, di Ben Stevenson, musica di Sergej Rachmaninov; Adagietto,  di Oscar Aráiz, musica di Gustav Mahler; Night Creature,  di Alvin Ailey, musica di Duke Ellington.
 
En sol è stato creato nel 1975 per il New York City Ballet. Il newyorkese Robbins (1918-1998), fra i massimi del Novecento,  crea un’ambientazione di spiaggia e sole dove, sulle atmosfere jazz dello splendido Concerto in sol di Ravel, sembra divertirsi a imitare lo stile di Broadway. Nel movimento lento del Concerto Robbins crea un grande pas de deux, “casual ma accurato, con  bellissimo uso delle pause, mostrando la stessa rivelatrice progressione del movimento che Robbins  ha sempre dimostrato nei suoi migliori pas de deux” (C. Barnes, The New York Times, 16.5.1975).  “Un  uomo complesso per una danza brillante, sofisticata e curiosamente ipersensible, che fa “swingare” il vocabolario classico ammorbidendone i fianchi” (R. Boisseau, Le Monde, 24.4.2010).
 
Night Creature, pure del 1975,  è una delle più belle coreografie di Alvin Ailey, il grande coreografo nero-americano (1931-1989). Questo lavoro è un  gioiello di “fusione” coreografica, in cui sono  chiari ma inseparabili gli apporti delle più diverse tecniche, con un ritmo irresistibile nell’evocare le sinuose “creature notturne”,  che popolano il mondo glamour dei locali della notte.  
 
Three Preludes è un pas de deux di rara sontuosità, dove i due danzatori stanno ripetendo i loro esercizi alla sbarra e si innamorano l’uno dell’altra.
 
In Adagietto l’argentino Aráiz (1940-) ha creato un  ipnotico passo a due sul celebre movimento lento della Quinta Sinfonia di Mahler,  come “al rallentatore”, dal quale emerge un altissimo livello di complicità, rara tra i due danzatori.

 

 

 

 

 

 

 

(nella foto, En Sol, cr Enrico Nobile)

Pubblicato in data 09/05/2015