MARTEDÌ 21 SETTEMBRE 2021 08:11
 

Musica

Dal 17 gennaio al 3 febbraio 2015.

Die Soldaten: alla Scala l'opera dei record

(ph Ruth Walz Salzburger Festspiele)

Per la prima volta in Italia il capolavoro di Bernd Alois Zimmermann.

 Un’opera gigantesca e totalizzante, un appuntamento irrinunciabile per chi ama la musica, il teatro, la letteratura.

 Dirige Ingo Metzmacher, la regia è di Alvis Hermanis.

 

“Se ci fosse un Guinness dei primati per le opere, Die Soldaten vincerebbe in molte categorie” scherza il regista Alvis Hermanis. I primi aspetti che colpiscono del capolavoro di Bernd Alois Zimmermann sono il gigantismo e la complessità di una produzione che prevede 25 cantanti solisti e un’orchestra sterminata che dalla buca si espande nei palchi: in tutto 112 professori inclusi 15 percussionisti, 4 dei quali occuperanno i palchi doppi situati nel 1° e 2° ordine a sinistra, e 6 (Stage Bands I, II e III) saranno dislocati nella Sala Prove dell’Orchestra e riprodotti live in sala da altoparlanti collocati nel soffitto; infine un complesso “Jazz Combo” di 4 elementi è collocato nella barcaccia stampa.

Ma Die Soldaten è anche un capolavoro totalizzante, un classico del Novecento non solo musicale capace di atterrire con complessità inaudita e livelli di tensione parossistici e nello stesso tempo di emozionare e commuovere il pubblico, come testimonia il successo caloroso ottenuto da tutte le produzioni e in particolare da questa, presentata al Festival di Salisburgo nel 2012.

Il presente allestimento è stato presentato nei vasti spazi della Felsenreitschule nel corso del Festival Salisburgo nell’agosto 2012, con Ingo Metzmacher alla testa dei Wiener Philharmoniker: ma la versione scaligera sarà radicalmente ripensata anche in base alle diverse caratteristiche del palcoscenico.


Direttore: Ingo Metzmacher
Regia: Alvis Hermanis
Scene: Alvis Hermanis e Uta Gruber-Ballehr
Costumi: Eva Dessecker
Luci: Gleb Filshtinsky
Video designer: Sergej Rylko

CAST
Wesener: Alfred Muff
Marie: Laura Aikin 

 

 

 

 

 

 

 

(nella foto, Laura Aikin, ph Luigi Caputo)


Charlotte: Okka von der Damerau
Weseners alte Mutter: Cornelia Kallisch
Stolzius: Thomas E. Bauer
Stolzius' Mutter: Renée Morloc
Die Gräfin de la Roche: Gabriela Benacková
Der junge Graf: Matthias Klink
Desportes: Daniel Brenna
Pirzel: Wolfgang Ablinger-Sperrhacke
Eisenhardt: Boaz Daniel
Mary: Morgan Moody
Haudy: Matjaz Robavs
Obrist: Johannes Stermann
Drei junge Offiziere: Paul Schweinester, Andreas Frueh, Clemens Kerschbaumer
Der Bediente der Gräfin de la Roche: Werner Friedl
Drei Faehnriche, Drei Hauptleute: Stephan Schäfer; Volker Wahl, Michael Schefts
Madame Roux: Anna-Eva Köck
Der junge Faehnrich, Ein junger Jaeger: Rupert Grössinger
Der betrunkene Offizier: Aco Biscevic
Artistin: Katharina Dröscher

Ensemble vocale “Il canto di Orfeo"
Direttori Ruben Jais e Gianluca Capuano

Pubblicato in data 04/01/2015