VENERDÌ 28 FEBBRAIO 2020 10:13
 

Musica

Verona - "Dido and Æneas"

Al Teatro Ristori, martedì 19, mercoledì 20 e giovedì 21 febbraio

Dido and Æneas, opera barocca della Stagione Lirica 2012-2013 della Fondazione Arena di Verona, sarà in scena al Teatro Ristori martedì 19, mercoledì 20 e giovedì 21 febbraio alle ore 20.00 per tre date fuori abbonamento.

Dido and Æneas è il terzo titolo in cartellone per la Stagione lirica 2012-2013. La mitologica vicenda dei due amanti è proposta per la regia di Marina Bianchi, con scene e costumi di Leila Fteita e coreografia di Maria Grazia Garofoli. Dirige il M° Stefano Montanari.

Suddivisa in tre atti su libretto di Nahum Tate, è la prima opera di Henry Purcell. La vicenda si rifà all’episodio del Quarto libro dell’Eneide di Virgilio in cui il guerriero Enea fuggito da Troia sbarca a Cartagine, dove incontra la regina fenicia Didone (chiamata anche Elissa) che l’accoglie nel suo palazzo e nel suo cuore. Quando l’eroe riprenderà la via del mare su consiglio degli dèi, a Didone non resterà che il suicidio.

Originariamente basata sul Brutus of Alba, or The Enchanted Lovers di Tate del 1678, il Dido and Æneas di Purcell prende anche spunto dall’opera di John Blow Venus and Adonis del 1683 e da un poema del 1686 sempre di Tate, da cui ricava i personaggi della Maga e delle Streghe quali allegorie politiche del Cattolicesimo romano, che convincono Enea-Giacomo II ad abbandonare Didone che rappresenta l’Inghilterra e il popolo britannico. La prima rappresentazione dell’opera risale con data incerta al 1689 presso il collegio femminile “Josias Priest’s Boarding-School” del quartiere londinese di Chelsea, sebbene pare sia avvenuta anche una prima performance alla corte di Giacomo II Stuart.

  «Storia emblematica di amore, potere e abbandono», secondo la regista Marina Bianchi, sa attraversare i secoli, le genti e le nazioni «ed arriva intatta a noi, nella sua agghiacciante verità». Didone viene immaginata come una donna potente, intelligente, forte nella gestione della rete degli affari pubblici, ma estremamente fragile nella relazione privata. Per questo Enea, che arriva dal mare, è lo straniero coraggioso quanto intrigante, che istiga la regina ad un amore fuori controllo. Tuttavia «Didone non può, ma soprattutto non vuole, rinunciare al suo stato di regina per aprirsi al sentimento amoroso, quindi si fa abbandonare e si dà la morte».

(nella foto Paolo Gavazzeni, direttore artistico della Fondazione) 

La prima scena è ambientata in un “Palazzo” moderno costruito su antiche rovine, «dal sapore di reperto archeologico», un luogo impenetrabile chiuso agli influssi esterni. La vicenda della “Grotta” invece apre il Palazzo al centro, mostrando anche nell’architettura un primo segno di cedimento: il male si insinua dalla Maga, gelosa dell’amore di Didone. Poi il “Boschetto” porta via un altro pezzo del Palazzo, per creare il luogo dove la regina si abbandona all’amore, fino alla voce del dio Mercurio che comanda la partenza di Enea. Nel III atto il Palazzo si apre completamente e sprofonda nel mare, quel mare livido che porta via l’eroe, annega il Palazzo e inghiotte l’infelice Didone.

Sul podio del Teatro Ristori alla direzione dell’Orchestra dell’Arena di Verona il M° Stefano Montanari. Il cast vede protagonisti i maggiori interpreti italiani del repertorio barocco: Roberta Invernizzi in Didone e Leonardo Cortellazzi in Enea. Accanto a loro Belinda sarà Maria Hinojosa Montenegro, la Seconda donna Irene Favro, la Maga Marina De Liso, la Prima strega Alessia Nadin e la Seconda strega Elisa Fortunati, lo Spirito Teona Dvali, il Marinaio Paolo Antognetti. Completa la messa in scena la presenza straordinaria dell’attrice Ermelinda Pansini.

(nella foto Ennevi, Roberta Invernizzi e Leonardo Cortellazzi) 

Rivolta agli Under 30 anche un’offerta speciale: biglietto d’ingresso a soli 15 Euro per le tre serate di martedì 19, mercoledì 20 e giovedì 21 febbraio, fino ad esaurimento disponibilità. Ogni ragazzo può acquistare un solo biglietto presso la Biglietteria del Teatro Filarmonico, esibendo un documento d’identità.

Per le Associazioni, i Circoli lirici convenzionati, gli abbonati alla Stagione Lirica e di Balletto 2012-2013 al Teatro Filarmonico e gli spettatori Over 65 biglietto al prezzo riservato di 28 Euro.

 

Informazioni e prenotazioni
Biglietteria del Teatro Filarmonico - via dei Mutilati 4/k, 37122 Verona
tel. (+39) 045 8002880 - fax 045 8013266 - Call center (+39) 045 8005151 - www.arena.it

Orario di apertura

da lunedì a venerdì                        12,00-17,45

sabato                                                 10,00-12,45                                      

nei giorni di spettacolo                 12,00-fino a inizio spettacolo

sabato                                                 10,00-12,45  17,00-fino a inizio spettacolo

domenica                                           10,00-fino a inizio spettacolo

 

Biglietteria del Teatro Ristori - via Ristori 7, 37122 Verona
nei giorni di spettacolo la biglietteria sarà aperta a partire dalle ore 18.00


 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in data 17/02/2013