MERCOLEDÌ 22 SETTEMBRE 2021 17:05
 

Musica

Verona Jazz 2010

Verona, 22 maggio - 30 giugno - 1, 2 luglio 2010

Le varie anime della musica afroamericana sono ancora una volta la cifra stilistica di Verona Jazz. 

 Il tentativo di sondare l’attualità, ma anche di dar voci alle diverse anime della musica afro-americana, è ancora una volta l’obbiettivo di Verona Jazz, manifestazione organizzata (nell’ambito dell’Estate Teatrale Veronese) dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Verona con il contributo di Volkswagen Group Italia e con l’organizzazione tecnica di Eventi.  

 

Anche in questa edizione gli organizzatori hanno aperto a trecentosessanta gradi il ventaglio del jazz, attraverso una proposta che coniuga popolarità, pregnanza e spessore artistico, lungo le trame di una kermesse in cui sfilano alcuni dei nomi più intriganti e peculiari della scena internazionale degli ultimi decenni.

Dando anche solo una rapida scorsa ai sette concerti del programma l’intenditore, ma anche il semplice appassionato, noterà che non manca nulla alla “completezza” del cartellone. È così presente un’autentica star del pop jazz come Michael Bublé, che ha attualizzato l’eredità dei grandi crooner, ma anche figure legate alla storia dell’avanguardia e ai mitici anni Sessanta, come il sassofonista Charles Lloyd, oppure esponenti a tutti gli effetti della scena jazzistica e creativa contemporanea. È il caso della giovane contrabbassista Linda Oh e di una figura di straordinario spessore musicale come è quella del chitarrista Bill Frisell, emerso nella vitale scena newyorkese e affermato ormai da molti anni come esponente di spicco della scena statunitense, che torna a Verona dove ha lasciato ricordi memorabili nei suoi splendidi concerti nel corso degli anni Novanta.

Anche quello di Steve Swallow è un nome molto caro alla storia del jazz: a Verona arriva con un trio in cui i canoni di una formazione ormai classica sono interpretati in modo molto originale assieme al batterista Adam Nussbaum e al sassofonista Ohad Talmor. Presenteranno il cd Playing In Traffic (Auand) che il mensile Musica Jazz ha insignito del titolo di “Disco del mese” nel numero di gennaio.

Il festival non dimentica l’Italia che sarà rappresentata innanzitutto da Stefano Bollani che stavolta sarà in duo nientemeno che con Chick Corea: una coppia che si è esibita pochissime volte e che ha debuttato con straordinario successo l’anno scorso a Umbria Jazz. L’ultima data del festival vedrà in prima serata il gruppo della cantante bolognese Cristina Zavalloni, una delle vocalist più peculiari e personali dell’intera scena italiana. Presenterà il suo progetto dedicato a Charles Aznavour, a cui ha dedicato parte del suo nuovo disco Solidago (Egea), probabilmente il suo lavoro più maturo.

 


PROGRAMMA


Sabato 22 maggio
Arena di Verona, ore 21:00
Michael Bublè
(Michael Bublè: voce; Nick Vayenas: trombone; Josh Brown: trombone; Jumaane Smith: tromba;Bryan Lipps: tromba; Justin Ray : tromba; Jacob Rodriguez: sax baritono; Robert Marshall: sax tenore; Rob Wilkerson: sax alto; Rob Castillo: chitarra; Alan Chang: piano; Brian Green: chitarra solista; Dino Meneghin: chitarra; Craig Polasko: basso; Roberto Perkins: batteria)

Mercoledì 30 giugno
Teatro Romano, ore 21:00
Steve Swallow / Ohad Talmor / Adam Nussbaum trio
(Ohad Talmor: tenore; Steve Swallow: basso elettrico; Adam Nussbaum: batteria)
Charles Lloyd New Quartet
(Charles Lloyd: tenore, flauto; Jason Moran: piano; Reuben Rogers: contrabbasso; Eric Harland: batteria)

Giovedì 1 luglio
Corte Mercato Vecchio, ore 18:30
Linda Ho trio
(Linda Ho: contrabbasso; Ambrose Akinmusire:tromba; Nasheet Waits: batteria)
Teatro Romano, ore 21:00
“Chick” Corea - Stefano Bollani
(Armando “Chick” Corea e Stefano Bollani: pianoforte)

Venerdì 2 luglio
Teatro Romano, ore 21:00
Cristina Zavalloni Idea “Per caso Aznavour”
(Cristina Zavalloni: voce; Stefano de Bonis: pianoforte; Antonio Borghini: contrabbasso e basso elettrico; Cristiano Calcagnile: batteria e percussioni)
Bill Frisell trio
(Bill Frisell: chitarra elettrica; Rudy Royston: batteria; Eyvind Kang: viola)




 


 

Pubblicato in data 19/05/2010