VENERDÌ 24 SETTEMBRE 2021 22:33
 

Istituzioni

"ISIDE: DAL MEDITERRANEO A VERONA"

Verona - VENERDI' 2 MAGGIO alla Biblioteca Civica un attesissimo incontro di studio

(nella foto, statua in scisto della dea Iside seduta, ex-voto di un alto dignitario della XXVI dinastia (530 a.C.))

Si terrà venerdì 2 maggio, a partire dalle ore 15.30 nella sala Farinati della Biblioteca Civica, l’incontro di studio “Iside: dal Mediterraneo a Verona” promosso dal Centro Culturale “Silfio”, con il patrocinio del Comune di Verona e della Regione del Veneto.

L’evento è stato presentato dall’assessore al Decentramento Antonio Lella insieme ai curatori Silvana Ticci Pirello, del Centro Culturale “Silfio”, e Luigi Pellini, moderatore dell’incontro. “Un appuntamento di particolare fascino storico-culturale – spiega l’assessore Lella – che intende presentare i tratti salienti della figura e del culto della dea Iside, attraverso la presentazione di testimonianze e reperti pervenuti sino a noi, con particolare riguardo all’Italia e, più specificamente, a Verona”.

All’incontro parteciperanno: l’egittologo Franklin Baumgarten, che aprirà il convegno percorrendo del culto di Iside dalle sue prime tracce fino all’ultima dinastia dei sovrani Tolomei; Margherita Bolla, curatrice dei Musei Archeologico e Maffeiano, farà un excursus sul culto di Iside a Verona; a Daniela Zumiani, docente all’Università di Verona, sarà affidata la raffigurazione di Iside dal Rinascimento in poi con particolare riferimento al Veneto; concluderà Emanuela Chiavarelli, autrice di saggi antropologico-religiosi, che affronterà i temi della simbologia e della sacralità connesse ad Iside. Interverrà anche il presidente del Centro Culturale “Silfio” Francesco Prestopino. 

“Iside: dal Mediterraneo a Verona” è anche un’occasione per ricordare il prezioso contributo degli archeologi italiani in Libia, in particolare nell’antica città greca di Cirene dove sono stati riportati alla luce alcuni templi dedicati ad Iside, identificata localmente con figure divine del mondo greco e libico e il cui culto assunse a Cirene carattere marcatamente misterico.

Pubblicato in data 22/04/2014