VENERDÌ 24 SETTEMBRE 2021 22:40
 

Territorio

"Veneto: spettacoli di mistero"

Il festival alla scoperta dei luoghi leggendari e misteriosi nel Veronese

 

Mercoledì 23 Ottobre, alle ore 11, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, l’assessore alla Cultura e Identità Veneta Marco Ambrosini ha presentato il cartellone veronese dell'iniziativa “Veneto, spettacoli di mistero”, il festival che le Pro loco del Veneto dedicano ai luoghi leggendari e misteriosi della nostra regione.

La manifestazione, promossa e finanziata dall'Assessorato all'Identità Veneta della Regione del Veneto, ha vista la realizzazione delle Pro loco aderenti all'Unpli regionale. Per il cartellone veronese, il patrocinio della Provincia di Verona.

    Tra gli intervenuti alla conferenza stampa: Stefano Salvoro, presidente comitato provinciale Unpli Verona; Claudio Dal Dosso, vicepresidente comitato provinciale Unpli Verona e presidente del consorzio Pro loco “Le Risorgive”; Teresa Meggiolaro, presidente Pro loco della Bassa Veronese; Mario Bettini, presidente consorzio di Verona Est e, in rappresentanza di Leonardo Ceradini, presidente Pro loco di Molina, Giorgio Zamboni, vicepresidente del consorzio Valpolicella. 

Presenti, inoltre, i rappresentanti dei consorzi e delle Pro loco di Verona e provincia aderenti all'iniziativa – Enrica Claudia De Fanti, presidente della Pro loco Carpanea; Giovanna Toniolo, presidente della Pro loco di Villa Bartolomea; Illio Bertolini, presidente della Pro loco di Bovolone

“Veneto: Spettacoli di Mistero” è il Festival veneto dedicato ai luoghi leggendari e misteriosi della nostra regione. La manifestazione nasce con l'obiettivo di riscoprire le antiche credenze, i racconti popolari e le leggende, spesso provenienti direttamente dalla tradizione orale, legate al passato e alla storia del nostro territorio. L'edizione 2013 del festival promuove un macro-cartellone di appuntamenti distribuiti in tutte le province venete nell’arco temporale dal 19 ottobre al 1 dicembre, per un numero complessivo di oltre 200 eventi tra spettacoli teatrali, rievocazioni in costume e cene a tema, mostre di fotografie e disegno, proiezioni, concerti, escursioni, visite guidate, passeggiate a contatto con la natura e attività dedicate ai più piccoli. Gli eventi avranno luogo lungo le vie e nelle piazze di un centinaio di località venete che diventeranno in questo modo un grande palcoscenico sotto le stelle. Ma anche ville, castelli e antiche dimore saranno teatro di parte delle iniziative in programma.

Il cartellone scaligero del festival prevede 18 tappe che, dopo la serata d’apertura a Castagnaro del 26 ottobre, continueranno fino al 30 novembre in 14 Comuni del territorio cittadino e provinciale (Bevilacqua, Bovolone, Casaleone, Castagnaro, Fumane, Garda, Isola della Scala, Monteforte d'Alpone, Molina, Marano di Valpolicella, Roverchiara, San Pietro in Cariano, Verona, Villa Bartolomea).

Ha inaugurato gli appuntamenti veronesi della rassegna Castagnaro, con la rappresentazione teatrale “I tre tesoretti scomparsi e la battaglia di Castagnaro”, sabato 26 ottobre. L'evento della notte di Ognissanti si svolgerà, invece, nel cuore di Verona con un doppio appuntamento: la presentazione dell'antologia sul vampiro al femminile “Carmilla e le altre” presso La Feltrinelli e il reading musicato “La memoria del grano” presso la Libreria Ninive. Tra i numerosi eventi, alcuni in particolare saranno dedicati alla rievocazione delle più antiche credenze popolari e paesane, come la visita guidata e il racconto delle antiche leggende riguardanti il Castello di Bevilacqua  l'8 e il 30  novembre, il mistero dei fantasmi di Palazzo Rebotti di Isola della Scala  il 9 e il 10 novembre e quello del battistero di Bovolone il 10 novembre, la rievocazione della leggenda relativa alla scomparsa del vello d'oro il 24 novembre a Casaleone e molti altri appuntamenti dedicati al ricco patrimonio di racconti popolari del territorio veronese. Non mancheranno momenti celebrativi di personaggi che hanno segnato la storia letteraria non solo veronese e veneta ma anche nazionale: in Piazza Arusnati, a San Pietro Cariano, il 24 novembre verrà messo in scena il “Misterioso viaggio di Emilio Salgari sulla Verona – Caprino” relativo ad alcune vicende accadute nella vita del celebre scrittore veronese nel 1889.

 

In occasione dell'edizione 2013 del festival “Veneto: spettacoli di mistero” si volgerà anche il 2° concorso fotografico “Scatta l'ora del mistero”, quest'anno dal titolo “Veneto: Spettacoli di Mistero 2013. Gli eventi della Rassegna: il mistero, i racconti, le location”. Per partecipare è necessario collegarsi al sito web 'www.spettacolidimistero.it' e caricare un massimo di quattro foto. La giuria del concorso selezionerà le tre foto più belle scattate durante uno degli eventi del “Veneto: Spettacoli di Mistero 2013”. Ai tre finalisti verranno consegnati premi in denaro del valore di 500 euro (1° classificato), 300 euro (2° classificato) e 200 euro (3° classificato). Anche il pubblico potrà votare la fotografia preferita, collegandosi direttamente al sito.

 

Assessore - Ambrosini: “È sempre un immenso piacere presentare il cartellone veronese del più ampio progetto 'Veneto: spettacoli di mistero', il festival dedicato alla riscoperta delle tradizioni e delle credenze più nascoste e misteriose riguardanti il nostro territorio, tramandate fino ad oggi attraverso il vastissimo patrimonio di racconti appartenenti alla ricca tradizione popolare veneta. Si tratta di un inestimabile patrimonio culturale e identitario che deve essere conservato e diffuso anche alle nuove generazioni, per essere proiettati verso il futuro tenendo però sempre uno sguardo sul passato da cui proveniamo e sul quale si basa la nostra identità culturale. La Provincia di Verona ha inteso promuovere, anche quest’anno, questo progetto di rete che allaccia la sinergica collaborazione di moltissime Pro loco di tutta la regione: un sentito elogio va attribuito soprattutto ai numerosi volontari che continuano ad adoperarsi con passione, contribuendo in tal modo ad un fattivo concretizzarsi".

 

Presidente Unpli Verona – Salvoro: “Il progetto 'Veneto: spettacoli di Mistero' intende coinvolgere tutta la Regione, per cinque settimane, in un cartellone che comprende racconti e rivisitazioni di storie leggendarie. Abbiamo deciso di ambientare i vari spettacoli - oltre che nelle piazze, ville, teatri - in  canoniche e castelli, perché rappresentano al meglio realtà sconosciute e avvolte nel mistero. L'obiettivo è riscoprire gli aspetti più nascosti del nostro territorio, un'occasione per scavare nel passato e riesumare fatti che altrimenti andrebbero dimenticati. Ringrazio in modo particolare tutte le Pro loco, i consorzi e i volontari che, con la loro partecipazione e il loro aiuto, hanno reso possibile una manifestazione così complessa e vasta”.

 

Presidente consorzio Pro loco Verona Est – Bettini - : “ Ventisei le nostre Pro loco, riunite in due vallate: una realtà territoriale oltremodo interessante e di complessa gestione. Per prima, Soave (con 3 Pro loco). Apertura, Domenica 27 Ottobre, negli spazi del Palazzo Vescovile di Monteforte d'Alpone, per lo spettacolo itinerante: "La Confraternita delle Buona Morte”. La parata dell” Antica Festa del Re Torbolin” sempre a Monteforte (terra del Soave Classico DOC) dedicata alla maschera che da 60 anni rappresenta l’icona del luogo... A seguire, Domenica 3 Novembre, nel comune di Cazzano di Tramigna, l’itinerario storico- enogastronomico “Cazzano. Antiche pievi e castagne”; dedicati all’Olio Novello, tra il 2 e l’11 Novembre, tre appuntamenti – Cazzano, Montecchia di Crosara e Illasi - . “L’antica Fiera del Bogone e del Tartufo”, a Sant’Andrea di Badia Calavena (29 Novembre)...”.

 

Vicepresidente Consorzio Valpolicella – Zamboni - : “ Obiettivo quadriennale, scrivere storie, raccogliendo la memoria orale. Un quaderno, appartenuto a mio padre, è stato l’incipit di questa ricerca appassionante che rivisita passi di storia appartenuti alle genti della Valpolicella...dal viaggio sulla tratta Verona - Caprino effettuato da Emilio Salgàri, nel 1889, al coraggio delle staffette partigiane durante l’occupazione. Sulla sceneggiatura di Zanicor, si apre il recitativo di bravi interpreti ( “La donna di Marino”)...Eco storica rivissuta tra Marano, S. Pietro Incariano e Fumane, (Misteri degli Antichi Veneti, rappresentazione teatrale, Domenica 10 Novembre) le cui grotte graffite in ocra restano testimonianza del sito preistorico più antico d’Europa...”.

 

Presidente Pro loco di Bovolone – Bertolini - : “ Feudo vescovile da un millennio, Bovolone offre le Cantine del Palazzo del Vescovo e l’Auditorium Biblioteca alla messa in scena de “Il Mistero del Battistero”: rappresentazione teatrale, itinerari guidati, concorso letterario (“Neverland”) e prodotti tipici. (Domenica 10 Novembre)”. 

Vicepresidente Comitato Provinciale UNPLI Verona e Presidente Consorzio Pro Loco "Le Risorgive" - Dal Dosso -: Debutta Isola della Scala, al Festival del Mistero ed. 2013, con la “Compagnia dell’Arca” (Domenica 10 Novembre) ne “I sussurri dei Fantasmi”. Atmosfera di magia a palazzo Rebotti, nell’ambientazione al buio, al solo lume di candela, e con la guida di un inquietante personaggio: i visitatori assisteranno all’alternarsi delle tristi vicissitudini di personaggi storici isolani. Dall’ omicida Abate di San Zeno, alla sfortunata Cassandra, all’infelice Maddalena. Fino al loro scomparire, in una grande fiammata... 

 

Presidente Consorzio del Basso Veronese – Meggiolaro - : “Ogni anno le nostre consortie si avvalgono della preziosa collaborazione di gruppi volontari. Nella terre della pianura veronese  dove la voce di tradizione storica annovera illustri natali (un nome per tutti, Dino Coltro), vengono di volta in volta formulati, con il supporto di studiosi del territorio e degli archivi delle parrocchie, itinerari d’autore. A testimone, l’opera dell’eccezionale contributo di cultori di memorie storiche quali Francesco Occhi ed Augusto Garau che uniscono all’indagine delle fonti geo-culturali il taglio di una contemporanea valenza rivolta al turismo rurale e allo studio della preservazione ambientale di luoghi incontaminati. Per l’edizione 2013 abbiamo indicata quale epicentro del nostro calendario di eventi la location del Castello di Bevilacqua. Sei le località ospiti delle rappresentazioni ‘mistero’, in un raggio d’azione da Boschi a Bevilacqua...”.

 

Presidente Pro loco Carpanea - De Fanti - : “ La rivisitazione di una storia raccontata ai bambini di più generazioni, a Casaleone: il mio ricordo d’infanzia, sui banchi di scuola elementare, quando la maestra recitava ad un gruppetto di piccoli spauriti la favola del Toro d’Oro....ricerca infruttuosa, nei tetri cunicoli della galleria sottostante ad un antico palazzo...Un  riallacciarsi al mito del Vello d’Oro, di Giasone e dei suoi Argonauti, forse approdati, dall’Adriatico e nel loro lungo peregrinare, alle bocche del Po e, da là, al Tanaro. Dai Greci, ai Romani, ai monaci benedettini. In queste terre, tutto parla di storia, la storia dell’uomo, delle leggende e degli usi e costumi derivati (Domenica 24 Novembre, Palacarpanea “Loris Romano” e Locanda Molino delle Valli, “Il mistero della scomparsa del Vello d’Oro”, rappresentazione teatrale, musica, cantastorie, mostra e piatti tipici). Il significato, in affianco alla leggenda della turrita Carpanea, indica, anche per questa rivisitazione celebrativa, il vero tesoro della raccolta della tradizione orale, offerta idealmente alla memoria delle giovani generazioni...”.

 

Presidente Pro loco Villa Bartolomea – Toniolo -: “ Il prezioso reliquiario di villa Ghedini-Panziera – Verio (500 pezzi) costituisce di per sé un mistero, la cui origine e acquisizione non trova, da parte di studiosi di storia locale, alcuna traccia documentata negli antichi archivi. “Il mistero di Sant’Anna e il mistero delle 500 reliquie”, al Teatro Sociale, Sabato 23 Novembre, rappresentazione teatrale - dieci i figuranti - , itinerari guidati, prodotti tipici (pasta e fasoi, castagnaccio)”.

Caterina Berardi

Pubblicato in data 28/10/2013