GIOVEDÌ 22 AGOSTO 2019 20:20
 

Territorio

Veneto Spettacoli di Mistero: La Zena dele Strie. Teatro K2

12 Novembre 2011. Teatro K2 di Casaleone.

Patrocinio: Pro Loco Carpanea di Casaleone

Secondo appuntamento nella Bassa Veronese per il Festival “Veneto Spettacoli di Mistero”: sabato 12 Novembre, presso il Teatro K2 di Casaleone. Dopo il saluto al pubblico di Pro Loco Carpanea - Enrica Claudia De Fanti promotrice di zona per i tre eventi a tema del festival “Veneto Spettacoli di Mistero" e Marica Faben, presidente del sodalizio casaleonese -, va in scena “La Zena dele Strie”, raccolta di novelle con la voce narrante di Gelmino Bissoli, all'insegna della continuità  di una testimonianza orale preziosa, trasmessa a Gelmino da suo padre Francesco,  depositario, a sua volta, dei racconti del nonno Secondo. Le novelle sono state redatte da Sergio Bissoli, amante ed estimatore della tradizione e delle leggende del nostro territorio.

 

La manifestazione Veneto spettacoli di Mistero: grandi consensi anche per questa 3° edizione non solo da parte degli operatori di Pro Loco Carpanea, ma anche dai numerosi anziani che abitano le piccole frazioni del paese, là dove si sono “verificati” questi magici, quasi incredibili, eventi che hanno suscitato una vivace curiosità  da parte delle giovani generazioni. E' stato davvero bellissimo incontrarle nei ricordi e farci portavoce per i nostri ragazzi -....

 

Cronaca della serata

 

Ore 20:00 si anima l’atrio del teatro con figuranti in costume contadino ( in maggioranza, i genitori degli alunni dell’istituto comprensivo scolastico di Casaleone). Al buio, accoglienza al pubblico con uno stupefacente effetto d'ombre cinesi proiettate sulle pareti del teatro.  

 

20:45 inizio spettacolo con la compagnia Gruppo di Ricerca e Studio di Danze Antiche – con bellissime danzatrici, sapientemente dirette dalla coreografa, professoressa Silvia Bellinello - sorto alcuni anni fa in seno al Gruppo Archeologico di Villadose (RO) con l’intento di realizzare un’operazione culturale di archeologia sperimentale. Si propongono aspetti di vita quotidiana, usanze, riti praticati sia in periodo di pace che di guerra nell’antica Roma. Ciò è stato reso possibile grazie al ritrovamento e allo studio di reperti archeologici, rappresentazioni figurate, parietali, fonti letterarie antiche (il reperto di una danzatrice su laminetta di rame a a sbalzo è stato il modello ispiratore per riprodurre vesti e desumere ispirazione per la coreutica).

Consapevoli che la danza, sia antica che moderna, è una manifestazione dell’animo per esprimere sensazioni, emozioni gioiose, luttuose e solenni, si creano coreografie adeguate, con la scelta di brani musicali dai ritmi e suoni consoni, facendo quasi sempre ricorso alla ricca produzione di musica sperimentale dei due Gruppi: Synaulia e Ludi Scaenici.

Con la ricostruzione di strumenti si sono ricreate atmosfere di antico incanto.

Durante le rievocazioni storiche in Germania, Austria, Croazia, Bulgaria, nelle varie edizioni del mercato della centuriazione romana di Villadose e in altri centri italiani, la Sezione è stata sempre presente, sia per animare la piazza che per integrare riti civili, religiosi, ludi e cortei trovando grande spazio in spettacoli a carattere

conviviale. Il Gruppo è formato da circa 25 ragazze che partecipano a lezioni miranti creare armonia, leggerezza e abilità anche nella danza orientale.

 

A seguire, la messa in scena delle novelle con gli attori Mauro Capellari, Fiammetta Rettondini, Monica Merlin della compagnia teatrale amatoriale “Tri Brazi e un Franco”. La serata prosegue sempre con intermezzi di danza e musica a tema con il Sax e il Violoncello del M°Marco Remondini.

 

E 'dulcis in fundo', il magico. La magia, l'abile inventiva di prodigiosi passaggi tra dimensione reale e potere 'ultra', appartiene alla multiarticolata esperienza  - oltre 18 anni  - di Linda Blue  (www.lindablue.it), che, al giro di boa di una carriera quale redattore per una nota casa editrice veronese, obbedendo all'impulso vitale dettato dalla propria natura 'indaco' – ha optato per un lungo viaggio nel 'magico'. Allieva di prestigiose istituzioni – Silvan Magic Academy, Scuola Professionale Tony Binarelli, i corsi master del CMI, Club Magico Italiano) -,  Linda ha letteralmente ammaliato grandi e piccini con giochi scenici, tra suspence e autentica meraviglia. Resta fondamentale, in questa bella professionalità, la sceneggiatura, sì quell'ordito che unisce l'input emozionale al cogliere visivo. Effetti illusori apparentemente inspiegabili, dove l'inversione di stato – tesa e annodata - di due corde di pari lunghezza nelle mani di due stupefatti spettatori; apre ad effetti di manipolazione. Vere e proprie coreografie con cerchi e diversi attrezzi.... Ma, oltre l'incredibile destrezza sperimentativa, ciò che più ha colpito fantasia e cuore è stato il messaggio subliminale di speranza e solidale condivisione rivolto da Linda alla platea. Nonostante le contraddizioni esistenziali e per stemperare, almeno in parte, angosce, i tanti interrogativi e timori della nostra quotidianeità. 

Il teatro ha sostenuto il tutto esaurito con l’aiuto dei volontari del vicino circolo NOI.

Alle 23:00, l’azienda agricola di Giorgio Svizzera produzione-coltivazione di Riso - (sita a Sustinenza, frazione di Casaleone) ha preparato e offerto un buonissimo risotto alla Casaleonese a tutti i presenti. Alla manifestazione, brindisi di rito, con il vino novello della collina Veronese...

 

Enrica Claudia De Fanti

 

Pubblicato in data 03/01/2012