MERCOLEDÌ 22 SETTEMBRE 2021 17:32
 

Cinema

30. Settimana Internazionale della Critica

2 - 12 settembre 2015

La Settimana Internazionale della Critica (SIC) è una sezione indipendente della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia dedicata esclusivamente alle opere prime.

 Fondata da Lino Micciché nel 1984, la SIC è storicamente impegnata nella ricerca, promozione e valorizzazione di nuove voci e talenti emergenti del cinema mondiale. Nel corso delle sue 30 edizioni, ha scoperto e lanciato giovani registi presto diventati autori di punta nel panorama internazionale: Kevin Reynolds (Fandango, 1985), Olivier Assayas (Désordre, 1986), Alex Van Warmerdam (Abel, 1986), Carlo Mazzacurati (Notte italiana, 1987), Paolo Benvenuti (Il bacio di Giuda, 1988), John Hillcoat (Ghosts…of the Civil Dead, 1988), Mike Leigh (High Hope, 1988), Bruce Weber (Let’s Get Lost, 1988), Pedro Costa (O sangue, 1989), Sergio Rubini (La stazione, 1990), Cédric Kahn (Bar des rails, 1991), Bryan Singer (Public Access, 1993), Rachid Benhadj (Touchia, 1993), Harmony Korine (Gummo, 1997), Roberta Torre (Tano da morire, 1997), Peter Mullan (Orphans, 1998), Pablo Trapero (Mundo grua, 1999), Vincenzo Marra (Tornando a casa, 2001), Celina Murga (Ana y los otros, 2003), Salvatore Mereu (Ballo a tre passi, 2003), Royston Tan (15, 2003), Rian Johnson (Brick, 2005), Dito Montiel (A Guide to Recognizing Your Saints, 2006), Andrea Molaioli (La ragazza del lago, 2007), Syllas Tzoumèrkas (Homeland, 2010), Alix Delaporte (Angèle et Tony, 2010). Fra i vincitori delle ultime edizioni della SIC, Pernilla August (Beyond, 2010), Guido Lombardi (Là-bas, 2011), Gabriela Pichler (Eat Sleep Die, 2012), Matteo Oleotto (Zoran, il mio nipote scemo, 2013) e Vuk Ršumovi (Figlio di nessuno, 2014).

 

Inoltre, fra gli autori scoperti dalla SIC e vincitori del Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima Luigi De Laurentiis, ricordiamo Giovanni Davide Maderna (Questo è il giardino, 1999), Abdel Kechiche (La faute à Voltaire, 2000), Dylan Kidd (Roger Dodger, 2002), Ismaël Ferroukhi (Le grand voyage, 2004), Gianni Di Gregorio (Pranzo di ferragosto, 2008), Guido Lombardi (Là-bas, 2011), Ali Aydin (Muffa, 2012) e Noaz Deshe (White Shadow, 2013).

 

Main Sponsor ALESSANDRO RAK FIRMA LA NUOVA SIGLA DELLA SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA.  Un gioiello animato dell’autore de L’arte della felicità aprirà tutte le proiezioni della 30. edizione

Per celebrare la sua 30. edizione, la Settimana Internazionale della Critica ha scelto di rinnovare la propria “sigla”, affidando ad Alessandro Rak (l’autore de L’arte della felicità, che proprio alla SIC ebbe il suo battesimo) la realizzazione di un gioiello animato che da quest’anno darà il benvenuto agli spettatori  prima di ogni proiezione.

 «La nuova sigla – spiega il delegato generale Francesco Di Pace – è un regalo di cui siamo particolarmente felici: dura solo 40 secondi, ma è un piccolo film d'animazione firmato da un autore che dalla Settimana della Critica ha iniziato il suo percorso fortunato, che l’ha portato fino all’European Film Award come miglior film europeo d’animazione. Ad Alessandro Rak e alla factory MAD vanno il nostro ringraziamento e i nostri auguri per sicuri successi futuri»

Il cinema dei nuovi talenti è una città restituita alla natura, figlia della civiltà, del linguaggio, eppure selvaggia. Il barcone dei critici avanza adagio tra i canali, ha occhi ovunque, ma la bestia cinematografica è un ottovolante, una macchina da presa, nata per predare e poi spiccare il volo. Chi la ama la segua. «La sigla – spiega l’autore Alessandro Rak – non è che un sospiro serale: dalla veglia si va alla notte di un cinema nuovo, senza stelle note ad orientare giudizi e pregiudizi, solo la necessità di una rotta nuova. Ci si sveglia a fine settimana, col mal di testa, le ossa rotte nel migliore dei casi. Come chi ha dormito troppo in sogni altrui. Oppure di buon umore, soddisfatti già al mattino, come chi ha giaciuto nelle proprie convinzioni troppo a lungo»

 

TECNICA: Animazione Digitale 2D

 AUTORE: Alessandro Rak

MUSICHE ORIGINALI: Antonio Fresa

PRODUZIONE: MAD Entertainment

30. Settimana Internazionale della Critica 2 – 12 settembre 2015

 

Film in concorso:   

Ana Yurdu / Madrepatria di Senem Tüzen (Turchia, Grecia)

Banat (Il viaggio) di Adriano Valerio (Italia, Romania, Bulgaria, Macedonia)

Kalo Pothi / La gallina nera di Min Bahadur Bham (Nepal, Francia. Germania)

Light Years / Anni luce di Esther May Campbell (Regno Unito)

Montanha / Montagna di João Salaviza (Portogallo, Francia)

The return / Il ritorno di Green Zeng (Singapore)

Tanna di Martin Butler e Bentley Dean (Australia, Vanuatu)

 

Pre-apertura – Evento speciale fuori concorso

Jia / Famiglia di Liu Shumin (Australia, Cina)

 

Film di apertura – Evento speciale fuori concorso – Premio Saturnia SIC 30

Orphans di Peter Mullan (Regno Unito)

 

Film di Chiusura – Evento speciale fuori concorso 

 

Bagnoli Jungle di Antonio Capuano (Italia)

 

   Main Sponsor PREMIO SATURNIA - SIC 30 SPECIAL AWARD come MIGLIORE OPERA PRIMA nella storia della SIC a PETER MULLAN per Orphans (1998)

 

Giunta all'importante traguardo della 30. edizione, la Settimana Internazionale della Critica (2/12 settembre 2015) – sezione indipendente della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia – è felice di annunciare un ospite d'onore: l'attore e regista PETER MULLAN  riceverà infatti il PREMIO SATURNIA – SIC 30 SPECIAL AWARD, un riconoscimento (votato dagli iscritti del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani) con cui la Settimana della Critica ha scelto di festeggiare la propria storia, segnalando la migliore opera prima presentata nel corso di questi trent'anni di cinema. Tra le decine di esordi che hanno segnato la storia della sezione, infatti, a imporsi è stato Orphans, il film di Mullan presentato con successo alla SIC nel 1998: già noto come attore (in quello stesso anno aveva vinto la Palma d'oro per la sua prova in My Name Is Joe di Ken Loach), il neo-regista – futuro Leone d'oro per Magdalene – sorprese pubblico e critica con un "gioco al massacro" venato di humour nero, una crudele cronaca familiare che vede quattro fratelli adulti e tutt'altro che affiatati riunirsi a Glasgow per piangere la morte della madre. A oltre quindici anni dalla sua uscita, giovedì 3 settembre Orphans sarà presentato di nuovo a Venezia (per gentile concessione di Park Circus Limited), come Evento Speciale d’apertura della 30. Settimana Internazionale della Critica, pronto a stupire una nuova generazione di spettatori per la maturità con cui sa dosare umorismo e drammaticità, trovando i suoi momenti migliori – spiegava il regista nel '98 – "quando non si sa se mettersi a ridere o scoppiare a piangere". Inoltre, Peter Mullan sarà al Lido per accompagnare il film e incontrare il pubblico e la stampa. Nella "cinquina" dei film più votati dai critici, accanto al vincitore Orphans, figurano Desordre di Olivier Assayas (1986), Mondo Grua di Pablo Trapero (1999), Tutta colpa di Voltaire di Abdellatif Kechiche (2000) e La ragazza del lago di Andrea Molaioli (2007). “Siamo orgogliosi di festeggiare con Peter Mullan e il suo magnifico film d’esordio, Orphans, un compleanno davvero speciale per la Settimana Internazionale della Critica - dichiara Francesco Di Pace, delegato generale della SIC - trent’anni di lavoro, passione e grandi soddisfazioni, in cui la nostra sezione ha tenuto a battesimo autori che si sono poi affermati a livello internazionale. A tutti coloro che nel tempo hanno contribuito al successo della SIC, ai colleghi critici che si sono avvicendati nelle commissioni di selezione e ai delegati generali che hanno coordinato il loro lavoro, va il mio saluto e il mio ringraziamento”.

Main Sponsor

I film in concorso alla 30. Settimana Internazionale della Critica concorrono a due premi:

• Premio del pubblico Pietro Barzisa – 30. Settimana Internazionale della Critica I sette film in competizione partecipano al “Premio del pubblico Pietro Barzisa” sponsorizzato dal Circolo del Cinema di Verona e del valore di 5.000 Euro.

• Leone del Futuro - Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” I sette film in competizione concorrono, insieme a tutti gli altri lungometraggi d’esordio presenti nelle sezioni competitive della Mostra, al “Leone del Futuro - Premio Venezia Opera Prima "Luigi De Laurentiis" e a 100.000 USD messi a disposizione da Filmauro di Aurelio e Luigi De Laurentiis, che saranno suddivisi in parti uguali tra il regista e il produttore.

 Anche quest’anno, inoltre, la FEDEORA, l’Associazione dei Critici Cinematografici dell’Europa e del Mediterraneo, assegnerà due premi collaterali ai film della Settimana: uno al miglior film, l’altro a scelta tra migliore sceneggiatura, migliore fotografia o migliore interpretazione.

Anche per questa edizione la Settimana Internazionale della Critica è lieta di avvalersi del supporto di BNL Gruppo BNP Paribas, una banca da sempre attiva nel sostegno al cinema italiano e alle manifestazioni cinematografiche internazionali. Con il patrocinio della Regione Veneto, i film della Settimana saranno riproposti al termine della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica in diverse città del Veneto e, grazie al contributo della Provincia autonoma di Trento e della Provincia autonoma di Bolzano, raggiungeranno le due città.

La Settimana Internazionale della Critica si avvale inoltre del prezioso sostegno di partner importanti come Tiziana Rocca Production, Hotel Saturnia e Istituto Luce-Cinecittà. Infine, la Settimana è felice di collaborare con i media partner FRED, web radio multilingue; Festival Scope, piattaforma online per professionisti dell’industria cinematografica; e Quinlan, rivista di critica cinematografica. 

Pubblicato in data 27/08/2015