LUNEDÌ 23 APRILE 2018 03:21
 

Arte

Germano Cilento.

Anemo-scultura, luce di un'eterna ispirazione

       Non solo coroplasta - ma artista nomoteuta –, Cilento libera l’anemos insito nella sua Gesamtkunstwerk - in un apice scultoreo di magmatica potenzialità espressiva, là dove la titanica primigenia voce esperienziale diviene ‘soffio’ lirico di un’eterna ispirazione creativa...

   (nella foto, "Ute e donna palestinese")

               Allineandosi, in continuo fluire, all’irrinunciabile silenzioso anelito interiore che abbandona il ‘per gradus’ quotidiano e conquista la nicchia meta-fisica nello scenario di un sincretismo catartico che punta all’Io, ad un consesso umano consapevole del proprio Destino. Nel senso dell’ininterrotto procedere della Creazione, è il viaggio della mente e del cuore, proiettato, da Germano Cilento, in quell’ iperbolico sacro pulsare - tra Materia e Forma - a scolpire l'apice del potenziale espressivo.

E quell’oggettivare visivo imposto da connaturata interiorità, indica il canone nomoteutico: l’Assoluto Formale scevro da mera affabulazione e incurante di ogni indugio realistico che non sia rivisitato, esaltato dall'Immaginario Etico. Regista delle sue stesse sensazioni ed emozioni, la scultura di Germano Cilento nulla concede all’apparente relativo, ma vaglia l’itinere dell’introspettivo interrogarsi, rivolgendosi in chiave inedita ai puri ritmi ottici espressi tra Forma e Spazialità. Aprendosi a prologo di una ricerca che colloca la propria efficacia semantica nella sintesi delle forze di attrazione e repulsione, nel rapporto spesso off-limits di contrasti e analogie sulla condizione umana, sulla sua identità riposta e portata in luce dall’interpretazione di moniti profetici dedotti da antichissime fonti storico-letterarie che si assoggettano all’imperium del segno. Scultura che colloquia con un’inesauribile ispirazione - tesa ad esaltare l’Idea-, abbracciando il primigenio connubio tra potenza evocativa e fluttuante identità dell’ineloquente, nella continuità ruotante del perfettibile mai concluso...Così da far recepire la bellezza di un’immagine nella sua stessa essenza a-temporale, sfrondata di tutte quelle memorie preesistenti che non tendano ad un Eterno Presente . E se il richiamo del passato opta per muti simulacri di fede (una Fede immanente l'Uomo e imperscrutabile) persi in una dimensione infinita (scenografia possente e intangibile, chiusa tra le nebbie dei millenni o lambita dalle onde ), la voce del presente ( un solo esempio, fra le diverse opere), esaltando nel mistero Donna l'anima segreta del mondo, tende comunque all’ eternità. L'antitesi Bene-Male reca l'enigma tra conquista e perdita devastante. Nello zoom metafisico sulle notazioni prettamente contestuali ma lasciate volutamente indefinite, l'Artista dispiega nel mezzo luce una straordinaria musicalità mistico-visuale, in quei lacerti di vita che dischiudono silenziosamente ad entità riflesse, e dove l'infinita ballata dell'umano tormento dapprima ipnotizza, infine portandosi, mano tesa, ad invocare la catarsi.

Secondo un principio organizzatore che può prescindere, o meno, dall'Io narrante, Cilento ‘sente’, sceglie, infine ama il soggetto, assunto a modello comportamentale (sempre in sottile funambolico equilibrio tra il trasporre artistico del Mito e il vissuto) in una trasfigurazione repertoriale dedotta con simbologie ritmico-figurative. E l'ampliamento dell'esplorazione verticale (destinata alla cuspide) culmina nell'Idea da contrapporre al drama, in antitesi a quell'orizzontale non espresso ma perfettamente intuibile che permane nel trascendente come vittima dell’elemento emozionale (l’Es). La scultura del Maestro Cilento è Scultura di Archetipi, alimentandosi tramite una poesia di concatenazione ultra-percettiva, conduce, via via, a far percepire l'altra realtà, quei mondi un tempo celati ed ora venuti alla luce.. Ecco l’ effondersi di uno spazio evocativo, dove sagome pure vivono in una tridimensionalità di 'trance' che non raffrena l’esistenza, bensì la traspone in dimensione interiore, srotolando un immaginario cartiglio, leggendo tra le righe di un testamento spirituale: metafora della vivida testimonianza di eventi attuali tesi all’allaccio del Mito.

L’arte di Cilento, quindi, poggia su quel criterio informatore che vince sull'effimero e invita ciascuno di noi, anche per un solo istante, ad ascoltare la parte più recondita dell'animo, a riflettere sul senso del proprio vivere. Giungendo, dalla nascita occulta e nei vagabondaggi del sentire e del pensiero, a ricomporre le tessere sul mosaico nelle ragioni profonde del desiderio, della solitudine, negli slanci consci e riposti del nostro agire, catapultandoci al centro di una galassia dove la soglia della consapevolezza è inesorabilmente aperta...E quell'esplorazione – cuore della Forma Sublimata - alimenta la fiamma mai estinta di un rituale radicato nell'animo: sipario o fondale misterioso, spesso ostile, cui non possiamo rinunciare...

Caterina Berardi

 

Versione in lingua tedesca 

(Traduzione di Hans Vogelsberger)

Germano Cilento. "Anemo-Skulptur, Licht Ewigen Eiggebung"

Nicht nur als Terrakottakünstler, nein, als normensetzender
Formgestalter hebt Cilento die in seinem Gesamtkunstwerk enthaltenen
Stürme dort in die Höhen magmatischer Ausdruckskraft, wo der titanisch
urhafte Ausbruch der Stimme zum lyrischen Hauch des ewigen
Schöpfergeistes wird ... im ewigen Fluss unverzichtbarer Sehnsucht, die
das tägliche Stufe um Stufe hinter sich lässt und die metaphysische
Nische eines Szenarios von katharsischem Synkretismus erobert, der nach
dem Ich im seines Schicksals bewussten menschlichen Beisammensein
strebt. Im Sinne des ununterbrochenen Voranschreitens der Schöpfung
strahlt die Reise des Geistes und des Herzens nach Germano Cilento
hinein in das heilig-übersteigerte Pulsieren von Materie zu Form zu
Materie und prägt so den Gipfel der Ausdruckskraft.   

Und dieses aus naturhafter Innerlichkeit erwachsene Vergegenständlichen
im Sichtbaren zeigt den Kanon der Normen auf: Das Absolut-Formale, frei
von bloßem Gefabel und unbeeinflusst von den vielfältigen
Schattierungen nicht wiederbelebter Realität im Überschwang ethischer
Phantasien. In Gestaltung der eigenen Empfindungen und Gefühle
vergeudet die Skulptur von Germano Cilento nichts an das scheinbar
Relative. Sie prüft vielmehr den Weg der introspektiven Selbstbefragung
und wendet sich dem neuen Code der rein optischen Ausdrucksrhythmen von
Form und Raum zu. Anfangs erworben in der Suche nach der eigenen
semantischen Wirksamkeit in den Kräften von Anziehung und Abstoßung und
direkt hineingesetzt in das verbotene Verhältnis von Gegensatz und
Übereinstimmung in den Grundlage menschlicher Existenz, wird die eigene
Identität antwortend ins Licht gehoben aus der Deutung prophetischer
Mahnungen, die sich, erschlossen aus uralten Quellen von Geschichte
und Literatur, unter die Herrschaft der Zeichen fügen. Skulptur, die in
tiefgründiger Einfühlungskraft die Ideen aufnimmt und damit als erste
die Vereinigung von Beschwörungskraft und fließender Einheit des
Nichtausgesprochenen im rotierenden Fortdauern der nie ganz erreichten
Vervollkommnung ausdrückt ... sie so bereitmacht zum Erspüren der
Schönheit einer Formgestalt in der ihr eigenen zeitlosen Wesenheit
unter Spannung all der immer schon gewesenen Erinnerungen, die nicht
auf ein ewiges Hier und Jetzt zielen. Und wenn aus der Erinnerung an
Vergangenes menschheitseigene, undurchschaubar stumme Bilder des
Glaubens an ein Verlorensein in unendlicher Dimension erwachsen
(mächtige, unantastbare Bilder, versunken im Nebel der Jahrtausende
oder überdeckt von deren Wogen), dann rühmt die Stimme des Jetzt (als
ein Beispiel aus vielen Werken) im Mysterium Frau die
geheimnisvolle Seele der Welt und reicht damit in die Ewigkeit. Der
Widerstreit Gut - Böse birgt das Rätsel zwischen Erfolg und alles
vernichtendem Versagen. In metaphysischer Ausweitung rein
kontextueller, aber mit Absicht vage gelassener Beobachtungen zieht der
Künstler eine außergewöhnliche, mystisch-visuelle Musikalität ans
Licht, in die Bereiche des Lebens, die stillschweigend
wiedergespiegeltes Selbst enthüllen und gleich der nie endenden Ballade
von menschlicher Plage zunächst bezaubern, dann aber mit geballter
Faust Katharsis heraufbeschwören.

Einem Organisationsprinzip folgend, das sich mehr oder weniger vom
Icherzähler abzuheben vermag, erfühlt Cilento, sondert aus und verliebt
sich endlich in das vom Thema vorgegebene Tun (und immer in
seiltänzerisch feinem Gleichgewicht zwischen der künstlerischen
Aufbereitung des Mythos und dem Erlebten selbst), umgesetzt in
rhythmisch-figurativer Symbolik aus der Fülle seines Schaffens. Und die
Ausdehnung der steilen (zur Höhe strebenden) Einfühlung gipfelt im
Gedanken der Gegenüberstellung zum Drama, im Gegensatz zur nicht
ausgedrückten, aber vollendet erspürbaren flachen, die als
Opfer des Emotionalen (des Es) im Transzendenten verbleibt. Die
Skulptur von Meister Cilento ist eine Skulptur der Urbilder, genährt
aus poetisch übersensibler Verkettung, die nach und nach in die andere
Wirklichkeit hinüberführt, in jene einst verborgenen, nunmehr ans Licht
gehobenen Welten. Sie ist Ausfluß eines Vorstellungsraumes, in dem
bloße Schatten trancehaft in einer Dreidimensionalität leben, die ihr
Sein nicht ausschließt, sondern es hinüberführt in eine innere
Räumlichkeit, die eine phantasievolle Buchrolle aufwickelt und zwischen
den Zeilen aus deren geistigem Vermächtnis liest: Bild des leuchtenden
Zeugnisses heutigen Geschehens, ausgebreitet nach Aufgabe des Mythos.

Also gründet die Kunst von Cilento auf jenem Wissenskriterium, das das
Vergängliche überwindet und jeden von uns einlädt, sei es auch nur für
einen Augenblick, in den geheimsten Tiefen unserer Seele zu lauschen
und sie bewusst im eigenen Leben widerzuspiegeln. Aus der okkulten
Geburt und dem Hin- und Herstreifen des Fühlens und Denkens
hineingezogen ins Neufügen der Mosaiksteinchen in den tiefsten
Abgründen des Begehrens, der Einsamkeit, schleudern uns die klaren wie
die dumpfen Antriebe unseres Tuns mitten hinein in eine Galaxis, in der
die Schwelle des Bewusstseins unabwendbar offenliegt ... Und dieses
Lauschen - Herzstück der ins Erhabene gesteigerten Form - nährt die nie
erloschene Flamme eines im Geiste verwurzelten Rituals: Fallender
Vorhang oder geheimnisvolle Tiefe, feindselig oft, verzichten können
wir darauf nicht.
   

 

Schede

 

     Ute. ((2005; h.cm.38; terracotta bianca) Donna Palestinese. (2002; cm.54; terracotta bianca)

La nota di quel bianco (che amo pensare in molteplice gradazione, quasi grigio, ma in scala ad effetto argenteo, a seconda dell’orientarsi della fonte di luce ) diviene magma pastoso nel sapiente dissolversi di un dejà vu che, da millenni, penetra l'oggi delle genti ma non lascia affiorare il domani. Un omaggio alla forza evocatrice della memoria del mondo esterno, potenza mal riposta e causa del dolore di un'umanità che, nonostante tutto, va avanti. Volti dove sofferenza e dignità, nella sacralità di una missione da compiere, raccontano, storia nella Storia, la consapevolezza della nostra presenza nel mondo, così impegnativa. Restano comunque, sull'asse, postazioni equidistanti per l'eroe dalle gesta gloriose che la Grande Storia ama celebrare e per il piccolo protagonista del quotidiano scorrere. Ma, per entrambi, dal vaso di Pandòra, il fluire di quella sensibilità dolente con la sua traiettoria di sempre reiterato pathos.
La traccia velato capite visiva guizzante e spietatamente scarna, l’effige mater dolorosa della Donna Palestinese, tormentata abitante della biblica Plistim - un tempo terra di pacifica convivenza tra arabi ed ebrei - e, dunque, così attuale e veritiera, è il tutt'uno simultaneo tra cuore e mente. Poiché il cuore viene eletto a sede della partecipe attenzione – così rara in questo momento storico dove, sullo scacchiere del primato, è il potere individuale, il padre dell'egoismo noncurante ed edonista, a vincere - . In Ute, (volto dai lineamenti marcati, con note fisiognomiche dall’espressione impenetrabile, come nell’arte egizia) , il berretto a doppia fascia, (mutuazione iconografica del copricapo frigio, desunto prima in età persiana, poi traslato all’area Anatolica) riedita il pileus - che designava i liberti di Roma antica, e fu attributo di libertà , già scrisse Karol Kérény -. Ma, in questa effigie, il pileus diviene simbolo dell’incessante processo della mente. Così aprendo ad un processo insito nell’uomo di ogni tempo e dovunque inteso a rieditare la storia in chiave spesso ossessiva, facendo esplodere la polla di un ordito in fitta sequenza emozionale: in ultimo trasformata in implacabile e mai appagata difesa dello status quo, tutore indiscusso della libertà individuale dei popoli occidentali.       

Cavallo Prigioniero. (1998; cm 298; terracotta dipinta, con inserti a foglia d’oro)   

Si ravvisa l’impeto pulsionale della “materia metafisica” , già cara a De Chirico, nel fremente slanciarsi nello spazio visivo di una creatura del Fato, desunta dal Mito al quotidiano trascendente, dove il rosso vivido del corpo ammantato sposa la patina dorata di briglie e gualdrappa (già memoria di antichi fasti pittorici) ed apre la soglia dell’incantamento immaginifico, rivolto alla sintesi di Sé, lotta impari tra percezione e valore introspettivo, tra istinto e coscienza...Dipanando, infine, quell’impercettibile ‘fil rouge’, teso fra febbrile impulso (l’Es, energia che permea il mondo intero) e la febbrile intesa, tacitamente espressa, di muovere le tessere sul mosaico del libero arbitrio (il nero occhio stilizzato a fessura, l’Io). Ammonisce quell’assoluto riproporsi di una verità temuta e mai appieno rilevata dove il collidere - tra esperienza memoriale ed eterna melanconica ansia - giunge a quel “... senso dell’espansione e della contrazione dell’essere nostro in un istante e, dalla sensazione mista che ne risulta, nasce appunto quella strana malinconia che ci invade in ‘quei’ momenti “ (K. PH Moritz, Anton Reiser, Psychologische Roman).
In tutte le partenze, reali o metaforiche che siano, passato e presente aprono al futuro, da perdita a nuovo orizzonte, additando l’inevitabile confronto prima con se stessi poi con gli altri: iter di consapevolezza dolorosa che affronta tematiche fino a quel momento solo parzialmente o affatto esplorate. In questo ambito s’ in-forma la nuova Etica, sintesi perfetta tra i due poli, grazie al valore inalienabile di una mantica, per signa via via elaborati.

     Espressione 3. (2001; h. cm.81; terracotta rossa)

L’effetto luce, insito nel rude possente volume cilindriforme, viene a sprigionare la propria forza materica aprendosi, all’apice, in superficie liscia, foto-riflettente, a decisa inclinazione. Simbolo di una pars terris vel aquae, colta nell’onirica accezione di un remoto altopiano levigato dalle intemperie nel corso dei millenni, o nel delta di un antichissimo bacino dove continuano a scorrere i mille rivoli della multiforme umana espressività , mai paga del confluire nel mare della conoscenza.


Leute - Gente 3. (2002; cm.76; terracotta rossa)

 Il ruotare di equilibri di forze convergenti, porta, nell’elemento a destra, quel netto inclinare a taglio arretrato. Così, l’ innegabile presa d’appoggio nell’incastro aggettante tra le parti volge ad una sorta di concatenazione visualmente inscindibile ma sempre e comunque volta al fisico dispiegarsi del contrappunto vuoto/pieno. Aprendo, per l’elemento a sinistra dall’ apice di poco sovrastante un’ immaginifica semi rotatoria- Ed è proprio questa identità riflessa, sorta di quinta mobile e portatrice di un profondo gioco umbratile nella centrale apertura, ad inglobare e far esplodere un’ ulteriore vibrazione nella parte mediana, interpretando quel fraseggio di alternanza tra opposti e ad interim tendendosi ad orizzonti lontani ma, ben presto, destinandosi alla smussata visualità prospettica degli angoli di congiunzione. Risultante, il senso profetico di un chiamare a sé, forse lontano miraggio, ma che intende continuare a dar voce vibrante al moto dei popoli e al loro conseguente insediamento, in cicli storici a rotazione mai conclusa.


Moeglichkeit - Possibilità 6/7. (2010; cm. 80,5 e cm. 75; terracotta rossa)

L’innestarsi strutturale prismatico d’insieme ha origine e si diversifica dall’alto basamento, originando un moto, impromptu semi-oscillatorio ad effetto chiaroscurale dominante ed in netto sovrastare verso destra, che giunge a stemperarsi nella entità mediana, nella cuspide tra luce ed ombra . Con simbologia, in quest’ultimo archi-elemento, dell’aperitur . Da qui, la luce ascende e si flette, in duttile vigore, nella necessaria finalità dell’imporsi svettante, quale sentinella che non occulta ma vigila le fasi della continua intermittenza dell’ approccio conoscitivo, a favore dell’integrazione interculturale. Così emozioni e relatività dell’esistere vengono ad identificarsi, collimando nell’ uguale rapporto geometrico rappresentato dai cateti. Un divenire culminante nell’idea di riunione, in quel giungere a corpo compatto della superficie, quasi essenza mononucleata al centro compositivo. E’ il vincere della Coscienza sulla preservazione del Senso di Appartenenza, in potente sintesi ottica.


       Letze Moeglichkeit – Ultima Possibilità. (2015; cm. 78; terracotta bianca)

 Quasi un prisma ottico –lati a sezione piramidale, in un effetto di esaltante leggerezza – per il sorgere dell’esplodere verticale, rivisitando quell’afflato etico così caro al classicismo perenne e che, nella Konkrete Kunst, definisce il senso della legge morale insita nell’animo umano (Kant; Schopenhauer). Così l’elemento aggettante diviene Idea di primigenia unità, antitesi perenne tra Bene e Male, contrapponendosi e sovrastando (sui lati) il drama che si svolge secondo quel divenire complesso, sia pure coreutico ed incessante, ma comunque destinato ad estinzione irreparabile. Auspicando, in un immaginario concludersi, la vera possibilità catartica, nella caduta della mera soggettività, e dell’egoistico individualismo, così profondamente connaturato nell’ humana condicio.

Sehnsucht - Nostalgia. (2009; cm 65,5 e cm. 74,5; terracotta rossa) 

Tra conquista e perdita devastante, giunge l’irrisoluto presente – la parte destra, a taglio retrostante - poggiante sulle sovrastanti passate memorie ed apre all’enigma del futuro. Respira l’anelito nostalgico ma intende non risolvere ed invita a soffermarsi sul non compiuto, sul dramma della perdita, sulla nostra intima fragilità sempre e ovunque incombente, offrendo, in un richiamo alla classicità eroica, la malia di una straordinaria sin-fonica musicalità tra mistico e visuale. Un sensus sui del pieno identificarsi di attimi, stralci di vita, dove troveremmo specchiati, in quell’eterno riproporsi del sortilegio, gli immancabili idòla, in caverne di cui mai raggiungeremmo l’uscita. Così, le nostre proiezioni interiori, motore pulsante del ricordo, sviscerano senza sosta i fantasmi, le costrizioni affioranti dell’eterna antitesi tra vita e non vita, dunque, tra scelta e inetta rinuncia. Baratro di un’ angoscia mai completamente risolta.


      Berlin 2011. (2011; cm.73; terracotta brunita)

Una visione verticale a corpo unico, concluso a cuspide, in una visuale di ammonente tridimensionalità poggia su base in origine parallelepipede, per contrapposto sbozzata e rivolta a libera interpretazione nel gioco ottico di profondissime scanalature simmetriche. Resta il monito, l’irrinunciabile metafora dell’esperienziale, quel retaggio (Die Institutionelle Vorschriften), a volte drammatico e mai giunto a completa risoluzione, sia pure ad un trentennio dall’abbattimento del Muro. L’ascesa, il lungo tronco piramidale a punta, indica forse la speranza della vera ricostruzione? Giungiamo, allora, ad una chiusa inevitabile: poiché, se -da quasi tre secoli, nell’immaginario collettivo, la storia di Berlino verrebbe a porsi a difesa della stabilità e del destino di tutto l’asse Occidentale - ben si comprende come essa, padrona inflessibile di un cuore diviso tra tempo antico e prossimo futuro, sia l’extrema ratio, la tormentosa comoedia di un’eterna poesia di costruzione. Indicandosi remota e pur così vicina, in uno spazio evocativo che guida lo sguardo a percepire l’altro aspetto del reale presente: la vera unità tra popoli.


Oster Insel – Isola di Pasqua. (1999; cm.84; terracotta bianca)

Una versione verticale dove il concetto di elevazione si esalta in una scandita pura tridimensionalità. La magistrale prospettica di questa struttura portante sta nel fulcro compositivo rieditante il concetto di simmetria bilaterale, con due ulteriori elementi ad essa affiancati, di minore altezza. A sinistra, la tentata invasione delle potenze del vecchio mondo al di là dell’Oceano e il paventato annientamento di autoctone, antichissime civiltà guerriere celate e protette nell’insondabile mistero di una potenza divina invincibile. A destra, sul fianco della plurimillenaria civiltà totemica Mohai, poggia un cuneo triangolare a duplice raggio. Quasi l’effigie guerriera di una sacra ascia bipenne che respinge l’invasore assetato di conquista chiudendo, imperscrutabilmente, ad ogni tentativo di possesso e di asservimento. Lo scotto di ogni futura, cruenta assimilazione.

     A Camilla. (2014; cm.79; terracotta bianca)

La “Faretrata amazzone” (Eneide, IX,532 segg.), sacra ancella di Diana, inaugura una piccola serie di simulacri fittili dedicati agli eroi silenziosi che combatterono contro l’usurpatore troiano ed etrusco, nella fase protostorica italiota antecedente il dominato romano. La vergine Camilla, figlia dell’esule Metabo, re dei Volsci, crebbe cacciando a cavallo nella foresta, nutrendosi con bacche e latte di cavalla. Divenne, sventurata guerriera, simbolo dell’abnegazione totale verso le sue genti (Dante, Inferno, I, v.107) e trovò morte per mano di Arunte l’aruspice, nella rivolta guidata da Turno contro Enea (già alleato di Tarconte)...Primo presagio della disfatta dei Rutuli, per mano del condottiero troiano.
Quest’ immagine, dal capo liscio e volutamente privo di elementi fisionomici, rilascia una scia d’ incandescente purezza,chiusa nel volume avvolgente dell’ himàtion, il cui taglio ad effetto di luministica levitas al punto del seno rappresenta l’inviolabilità di un voto sacro e la dedizione alla patria. Nel corpo inferiore, al flettersi delle ginocchia corrisponde l’aprirsi di un lungo cuneo tricipite dallo stretto apice che bilancia gli equilibri di forza e può, forse, ricondursi all’atto del cavalcare.


A Palinuro. (2015;cm.80; terracotta bianca, ad inserto cromatico indaco-oro) 

Lo sventurato nocchiero di Enea, colto nel sonno, è vittima sacrificale dell’arbitrato tra Venere e Nettuno (Eneide,V,v.586). Palinuro approda, dopo tre terribili giorni in balia della furia del Noto, ai lidi velini e là verrà straziato dagli indigeni che ne getteranno le spoglie tra i flutti. Nell’Ade, tra gli insepolti (Libro VI, vv.336 -371), Palinuro è anima errante e tormentata e supplica Enea, disceso agli Inferi con la Sibilla Cumana, di dargli degna sepoltura, esortandolo a cercare il suo corpo tra i marosi. Ciò non sarà possibile ma un profondo senso di pietas indurrà gli assassini ad erigere un cenotafio , laddove il nocchiero trovò morte. Da allora, Capo Palinuro...
Verso sinistra, la postura del tronco superiore segue una profonda inclinazione, in un anelito spirituale che rivisita la memoria più struggente e nostalgica, definita da ampie campiture azzurro-dorato. Metafora dell’onda del mare che di Palinuro accolse le spoglie e della luminosa scia di purpurei tramonti.


Ad Amata. (2016; cm.77; terracotta rossa)

Scultura a tutto tondo, tubolare - in posa eretta ma col capo chino velato da un lembo del manto – viene colta (dopo il dissacrante incipit orgiastico, furibonda rivalsa per l’alleanza di Latino con l’invasore Enea e la mancata promessa per le nozze di Lavinia e Turno) nell’espiazione di un’implacabile vendetta e nel raggiungimento della consapevolezza della perdita e del placarsi interiore.


A Turno.(2016; cm.80; terracotta bianca, ad inserti policromi)

Struttura a sagoma estremamente stilizzata con inclinazione verso destra e ampia apertura a foro all’altezza del busto. Il gioco di luce ed ombre trova esaltazione nella profonda campitura nera, a destra sempre – secondo una straordinaria rifrazione ottica che si allunga dall’ intero contorno esterno al foro. Così definendosi in profondità guizzante rispetto la superfice del corpo frontale, trattata a spatola in cromia giallo-cromo, con l’inserimento di pigmenti grigio-azzurro, ad effetto marezzato. Forse riferendosi all’estremo magmatico conflitto tra ratio e furor ? Altresì, la simbologia per il foro, il vulnus della perdita, ha lo stupefacente potere evocativo di trasformare uno stato meramente fisico, in sacrale entità.
Turno o Tyrrenus o Tursnus, re dei Rutuli, muove guerra ad Enea e Latino, i due nuovi alleati colpevoli delle mancate sue nozze con Lavinia. I Rutuli sono sconfitti ma Latino muore. Così, (in Eneide libro XII, 869949), Turno si batte con Enea che, riconoscendo il balteus sottratto all’amico Pallante, figlio di Evandro, lo trafigge...”Tu, vestito delle spoglie dei miei, vorresti sfuggirmi?” “Pallante t’immola, e si vendica sul sangue scellerato...” .


      A Rea Silvia 2. (2015; cm.80; terracotta bianca)

La Vestale Silvia, figlia del re Numitore, discendente di Enea (e da Ennio detta figlia di Enea: Annales, liber I “Somnium Iliae”) sedotta da Marte sulla riva tiberina ( da allora “Rhea”, cfr. Niebuhr), concepì Romolo e Remo, e successivamente morì sepolta viva dall’infido zio Amulio, usurpatore del trono di Alba Longa.
L’Intensa bellezza di questa icona muliebre apre ad un apice conoscitivo la cui chiave di rivisitazione sta nella duplice profonda simmetrica incavatura; in alto a sinistra e, a destra, nel lembo inferiore del manto. L’assenza di intento ritrattistico e la netta inclinazione sovrastante, a destra, giungendosi in ala protettiva ed ammonente, suggerisce un’iconografia parte di un contesto simbolico-funerario, profetico di sepoltura, e trasforma nell’abbraccio materico questa mesta deità: Kore tardo-arcaica ma dall’ incedere ritmico, armonioso, se pure trattenuto in un’ombra ineluttabile... E, qui, giunge la memoria di quel più diretto confronto , così ben rappresentato in area etrusca e italiota, per temi d’ ambito funerario e per lo svolgersi tragico delle sorti dinastiche preromane: acquisizione conoscitiva dei miti classici già diffusa, tramite maestranze e SchizzenBuecher , tra le élites del tempo.


 


(schede a cura di Caterina Berardi)

(Mediartenews - Tutti i diritti riservati)  © Copyright


 

 



 


 

 

 

 

 

Pubblicato in data 17/03/2018